Yin e Yang; Bianco e Nero; Giorno e Notte. Ogni cosa in natura ha il proprio opposto, e questo vale anche per le forze sovrannaturali. Come esiste la magia bianca, così esiste la magia nera. Vediamo di cosa si tratta.

Rituale di magia nera
Rituale di Magia Nera

Cos’è la magia nera? Una definizione e la differenza con la magia bianca

La magia nera è un insieme di pratiche magiche che ha come obiettivo il danneggiamento o comunque il dolore del bersaglio.

Si contrappone quindi alla magia bianca, nata invece per portare e raggiungere solo ed esclusivamente il bene.

Yin e Yang, contrapposti come magia biance e magia nera
Yin e Yang; giorno e notte; bianco e nero; magia bianca e magia nera. Le naturali contrapposizioni.

Oltre alla finalità, c’è un’altra differenza rispetto alla ritualistica bianca. Nella magia nera, infatti, il mago tenta di sottomettere al suo volere le forze sovrannaturali invocate, opprimendole e comandandole; mentre nella sua controparte bianca il magus opera in armonia con le forze esoteriche richiamate.

Il colore attribuito a queste branche della magia è assolutamente esplicativo: se la bianca è infatti collegata alla luce, la nera richiama invece l’oscurità. Non sono gli unici esempi di colori esplicativi in magia: la rossa, ad esempio, è la magia dell’amore e dei legamenti d’amore; mentre la magia verde è quella che studia le piante ed i fiori con effetti esoterici: in pratica la botanica applicata agli incantesimi.

È importante dire che le due magie più antiche non possono assolutamente esistere l’una senza l’altra. Infatti questa contrapposizione esoterica è spiegata molto bene dal principio orientale dello Yin e dello Yiang. Dove c’è luce deve esserci necessariamente un goccio di oscurità, e viceversa. Così è tutta la natura, così è la natura umana.

Quando nasce la magia nera?

La nascita della magia nera è antica, antichissima; quasi quanto quella della sua controparte positiva.

Essa infatti affonda le proprie radici nel mito greco, ed in particolare nel concetto greco di Hybris (ύβρις), ovvero in quel comportamento arrogante, tracotante e pieno di sé, ad esempio quello di Achille, che è però destinato a generare conseguenze nefaste in futuro.

Per riprendere l’esempio di Achille, il suo essere colpito nell’unico punto debole, il tallone, nonostante ed anzi a causa dei grandissimi risultati ottenuti sul campo di battaglia.

Testa di una statua greca di Achille
Statua greca in marmo raffigurante Achille

Questo esempio chiarisce che il mago nero si macchia di Hybris, infatti intende manipolare forze ultraterrene, pur essendo lui terreno e caduco; e soprattutto introduce un altro importante elemento della magia nera: il colpo di ritorno.

Il colpo di ritorno e gli effetti collaterali della magia nera

A differenza delle ritualistiche e degli incantesimi a fin di bene, gli interventi esoterici di magia nera includono sempre il colpo di ritorno.

Questo è il più importante e principale tra gli effetti collaterali della magia nera, ma non è l’unico.

Il colpo di ritorno, come spiegato prima, è normale e anzi assicurato. Infatti non è possibile comandare e sovvertire l’ordine sovrannaturale degli eventi, agendo in contrasto con essi, senza pagarne le conseguenze.

Chi decide di ricorrere ad un rituale di magia nera, quindi, deve essere assolutamente pronto e conscio che ne pagherà le conseguenze, e se non lui un suo caro assolutamente vicino nella sfera affettiva.

Rituale di magia nera
Rituale di magia nera – Foto di freestocks.org da Unsplash

Oltre a questo, ci sono altri effetti collaterali, collegati principalmente alla maledizione o alla fattura richiesta.

Spesso, infatti, ciò che è stato richiesto per gli altri finisce per colpire anche il richiedente; quindi:

  • Nel caso di malocchio, potrebbe comunque capitare anche a te un periodo no;
  • Nel caso di una fattura di allontanamento amoroso, potrebbe capitare anche a te un tradimento o un momento di forti litigi con il tuo partner;
  • Nel caso di maledizioni con effetto sulla salute, potresti a tua volta stare male o passare un brutto periodo, fisicamente parlando.

Incantesimi di magia nera: fatture, maledizioni, malocchio

I principali rituali magici praticati dai maghi neri sono:

  • Fattura
  • Maledizione
  • Malocchio

Mentre le fatture e le maledizioni sono assimilabili, il malocchio appartiene ad un’altra tipologia di ritualistiche, ed è perciò opportuno analizzarlo a parte.

La fattura e le maledizioni

Le fatture e le maledizioni sono incantesimi deliberatamente scagliati e lanciati per danneggiare un altra persona. Si tratta dunque di azioni perfettamente consapevoli e premeditate.

Perché questo rituale possa avere effetto, occorre che la vittima entri in contatto con l’oggetto fatturato dal magus, oppure che questo possa lanciare incantesimi su un fantoccio, un feticcio, su cui opererà tramite spilloni.

Ne consegue che, nel primo caso, per essere certi del risultato occorrerà piazzare la trappola in luoghi frequentati dal bersaglio, così che si possa essere certi del contatto. Ancora maggior effetto si può ottenere dall’ingerimento dell’oggetto maledetto, anche se in questo caso la riuscita è naturalmente molto più difficile.

Particolare tipo di fattura sono poi le maledizioni, un tipo di incantesimo particolarmente potente da cui è molto difficile liberarsi. Per quanto difficile, però, non è per nulla impossibile liberarsi di una fattura. Occorre rivolgersi ad un operatore esoterico preparato, che possa creare per il soggetto maledetto un amuleto o un talismano caricato di energie positive, invocate tramite magia bianca, in modo tale che queste possano neutralizzare la carica negativa scagliata sul soggetto.

Citazione a parte meritano poi gli incantesimi d’amore fatti tramite magia nera, o fatture d’amore. Queste infatti vengono spesso richieste pensando che siano più efficaci delle ritualistiche rosse e bianche, ma non è assolutamente così.

Una magia nata per costringere e obbligare non può avere finalità d’amore. L’unione scaturita da questo tipo di rituale, infatti, sarà solamente temporanea e assolutamente non utile o soddisfacente per le parti.

Il malocchio

Mentre la fattura e la maledizione vengono premeditate e studiate per danneggiare; il malocchio è un tipo di magia nera totalmente inconsapevole.

Ciò significa che nel malocchio non c’è premeditazione, ma resta l’intenzione di far male o comunque danneggiare il soggetto vittima di malocchio.

Tramite le energie negative dell’invidia e della gelosia, ad esempio, si può essere portati a tentare di negativizzare autonomamente il bersaglio con comportamenti scontrosi e sguardi di sfida.

Naturalmente, essendo un tipo di incantesimo a dir poco amatoriale, gli effetti sono molto limitati, e per esserne al riparo o cavarsi il malocchio è sufficiente qualche cornetto o portafortuna. Sia il malocchio che i portafortuna sono strumenti di tradizione popolare, e dunque la loro efficacia e forza è estremamente limitata.

Disegno rituale per allontanare il malocchio
Disegno per allontanare il malocchio

Le messe nere

Particolari ritualistiche sono le messe nere, scimmiottamenti macabri e oscuri delle normali messe, in cui anziché l’intercessione di Dio, di Cristo e dello Spirito Santo si invoca l’azione di Satana.

Occorre fare attenzione su questo aspetto perché, nonostante il nome, magia nera e messe nere non sono affatto affini, anche se condividono diversi lati oscuri e ritualistiche.

Entrambe, infatti, invocano dei poteri superiori ma, se le messe richiedono l’intervento del demonio, per praticare la magia oscura non è necessario rivolgersi a Satana. Il satanismo, infatti, è una pratica a sé stante, e non c’entra nulla con la magia e, come la cronaca ci insegna, ha risvolti ben più macabri. A tal proposito, esistono reportage di giornali come quello fatto da Il Giornale sulle messe nere di Veracruz.

Voodoo

Tra le religioni celebri e affini alla magia oscura c’è naturalmente il Voodoo. Questa religione, originaria dell’Africa e arrivata in America con la massiccia deportazione avvenuta durante il periodo della schiavitù, ha nel proprio arsenale diversi incantesimi di magia distruttiva e negativa, ed ecco perché, secondo la tradizione, è associata alla magia nera.

In realtà il Voodoo, come tante altre religioni antiche come il Candomblé, la Macumba o la Santeria; include ritualistiche ben più variegate e benefiche, ma il ricorso alle maledizioni e alle celebri bamboline lo ha rilegato al ruolo negativo che ben conosciamo. Ad esempio, infatti, nella religione Vudù esistono anche ritualistiche d’amore come i legamenti d’amore haitiani.

Esso infatti nasceva come risposta al cristianesimo opprimente e alle invasioni spagnole; e come unica luce e spiraglio di speranza nel buio mondo della schiavitù.

Teschi Voodoo
Teschi Voodoo

La magia nera è, come visto, una magia antica e molto potente, ma assolutamente negativa, che spesso si propone di sovvertire i piani divini e padroneggiare il destino, piegandolo e soverchiandolo. Usare la magia nera per fini positivi è, come visto, inutile e improduttivo, e il suo uso dovrebbe essere molto limitato ed esclusivo di quegli operatori esperti ed in grado di proteggersi dai temibili colpi di ritorno, certamente presenti e da considerare per ogni incantesimo.

Le città della Magia Nera

Alcune città nel mondo hanno una particolare carica esoterica. Questo vale sia per la magia bianca che per la magia nera, che può contare alcune importanti metropoli nel mondo tra le principali mete e luoghi diffusori delle energie oscure.

Queste città, note con il nome di triangolo della magia nera, sono 3:

  • Torino
  • Londra
  • San Francisco

Si tratta di metropoli in cui l’energia nera si diffonde e, nel caso di Torino, si alterna con l’energia positiva e celestiale delle ritualistiche di magia bianca. Si tratta di città in cui sono avvenuti crimini efferati, e in cui hanno trovato casa alcuni dei più importanti massoni o criminali.

Chiudi il menu
CREATED